XS EventS

Organizazione e Gestione Eventi Sportivi

Archivio per Enza Lombardi

Buon 2013!!!


Gente, giochi, eventi e società del 2012 con XS…
Buon Anno a tutti!!!

Annunci

Trionfali Giochi di Carnasciale 2012

L’Evento Sportivo Fiorentino con la S maiuscola dell’anno!!!

Firenze Città Europea dello Sport 2012 non poteva aprire meglio….Il 31 Marzo ed il 1 Aprile si sono svolti sul Prato del Quercione nel parco delle Cascine I Giochi di Carnasciale 2012 con Giancarlo Antognoni straordinario Testimonial, Fondazione ANT e Unione Stampa Sportiva come Partner.

L’ideatore dei Giochi Gianluca Cecchini che, insieme ad Oriano Brunetti, ha organizzato anche quest’anno la due giorni di Sport Antichi e Tradizionali è entusiasta: “Sono state 2 giornate straordinarie dove la passione per lo sport e il divertimento si è mostrata in tutta la sua purezza negli spazi dedicati e ricostruiti per i giochi e i passatempi di una volta sullo sfondo del nostro spettacolare Parco cittadino, uno dei più belli del mondo. I Giochi di Carnasciale sono nati sull’idea di riportare il Calcio Storico ad essere giocato nel periodo pre-pasquale proprio come era in uso tanti secoli fa. Quest’anno finalmente ci siamo riusciti e sono particolarmente felice perchè tutto si è svolto in armonia e sicurezza regalando a Firenze un evento che ha già ricevuto apprezzamenti a livello internazionale. Anche il presidente del Calcio Storico, Michele Pierguidi, era molto soddisfatto dell’allestimento e delle esibizioni. Sul Campo Mobile hanno dato spettacolo i Calcianti di Parte Rossa che si sono divisi per l’occasione dando vita ad una emozionante partita. Un grazie a tutti gli uffici del Comune che hanno collaborato dal Verde all’Economato, dallo Sport al Quartiere 1 e alle Feste e Tradizioni e un grazie particolare alla Pubblica Assistenza di Campi Bisenzio, a Picchiani e Barlacchi per i preziosi ricordi, a CITTI per i materiali offerti e all’ Istituto di Scienze Militari Aeronautiche per il supporto tecnico.”

“Quest’anno c’è stato anche il debutto del Calcio Fiorentino Femminile, un progetto che è diventato realtà in cui sono coinvolto direttamente insieme a Elisabetta Moretti, Sonia Mariottoni e altre amiche/i, che mi ha dato una grandissima emozione, come una nascita di una creatura delicata e bellissima. Vedere praticare l’antico gioco di Fiorenza, un antenato degli attuali giochi di squadra come il Rugby ed il Football, dalle ragazze, oltre che ad essere un simbolo importante di pari opportunità, è un esempio straordinario per tutti di volontà e passione”

E’ stato un vero successo l’esordio delle Calcianti, testimoniato dalle grida e dagli applausi durante e a fine partita, come è stato un successo assoluto lo spazio del Jousting con Roberto Cinquegrana e i suoi amici spettacolari protagonisti con la Compagnia dell’Aquila Bianca e e le altre Compagnie pervenute da tutta Italia . Tornei di Scherma Medievale e Giostre Equestri Rinascimentali hanno catturato la curiosità e l’attenzione di migliaia di persone che hanno seguito i duelli e le battaglie dove non venivano risparmiati colpi che sarebbero stati mortali se non ci fossero state le pesanti armature a protezione.

Giochi e Divertimenti dal Medioevo ai primi del Novecento quindi con il supporto anche della FIGeSt (Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali)  e della Federbocce con le gare e le dimostrazioni di Lanci del Ruzzolone, Petanque, Morra, Freccette e Palet. Il torneo di Pallone col Bracciale con le Squadre di Mondolfo, Treia e del Club Sportivo ha lasciato come lo scorso anno a bocca aperta per l’eleganza e l’abilità dei ragazzi col manicotto di legno punzonato mentre la Targa Capanni ideata da Paolo Allegretti della Unione Nazionale Veterani dello Sport “Oreste Gelli” Rievocativa dei Pionieri del FootBall di inizio Novecento ha visto la vittoria del Signa 1914 sul Firenze Football Club e Club Sportivo.

L’ appuntamento è per una edizione 2013 che si preannuncia, visto l’eco mediatico ricevuto quest’anno, ancora più partecipata e divertente.

Il Presidente della Federazione Italiana Bocce Toscana Giancarlo Gosti con Enza Lombardi e altri atleti impegnato nel torneo di Petanque a I Giochi di Carnasciale. una fase di gioco di Calcio Fiorentino Femminile

I Giochi di Carnasciale

Il Firenze Football Club organizza la prima edizione de “I Giochi di Carnasciale” del 26/27 Febbraio 2011. I Giochi di Carnasciale, si svolgeranno nel Prato del Quercione alle Cascine, luogo storico dove nei primi anni dello scorso secolo, hanno preso vita moltissime discipline sportive praticate poi nella città di Firenze, e dove tutte le squadre di calcio cittadine hanno iniziato la propria attività. Verranno disputati i seguenti giochi e tornei: • Torneo rievocativo storico del Giuoco del Calcio • Torneo di Palla al Bracciale • Torneo di Lancio di Ruzzolone • Torneo di Bocce (Petanque) • Esibizione di Calcio Storico Fiorentino Inoltre ci sarà la possibilità di praticare ed assistere allo svolgimento di alcune discipline della Federazione Italiana Giochi Storici come il Tiro alla Fune, la Lippa (Ciribè) la Morra e altre ancora. Ai bambini sarà dedicato il concorso Mascherina di Carnasciale. “La Manifestazione I Giochi di Carnasciale” dice Gianluca Cecchini presidente del Firenze Football Club ideatore e, insieme ad Oriano Brunetti , organizzatore dei Giochi, “vuole riprendere la tradizione di giocare il Calcio Fiorentino durante il periodo di Carnevale, quando fin dal 15oo veniva praticato principalmente da Gentiluomini con addosso sgargianti livree”. Etimologicamente la parola carnevale deriva dal latino “carnem levare”, popolarmente tradotto nel rinascimento in “carne-vale” o “carnasciale”, ed indicava il banchetto che si teneva l’ultimo giorno di carnevale (martedì grasso), subito prima della Quaresima. Il periodo di astinenza e digiuno era a ridosso del Capodanno Fiorentino, in corrispondenza dei nove mesi prima della nascita di Gesù ad indicare la sua Incarnazione. Per Firenze, città da sempre legata alla Madonna, infatti, fino al 1750, l’anno civile cominciava il 25 marzo, giorno in cui la Chiesa cattolica aveva collocato la festa dell’Annunciazione. Il Calendario Fiorentino rimase in uso fino al decreto del Granduca Francesco III di Lorena che fissava dal 1750 anche per Firenze il 1º gennaio come data iniziale dell’anno civile. Giocare nel periodo invernale e soprattutto a Carnevale, era preferito da tutti i fiorentini, nobili e paesani, in quanto, richiedendo il gioco un notevole dispendio di energie, diveniva troppo faticoso praticarlo nei mesi estivi. Numerosi sono i testi storici in cui questo viene testimoniato, come quello di Francesco Bocchi del 1591 in una delle prime guide turistiche “per comodo de’ Forestieri” dal titolo “Le bellezze di Firenze” o dagli scritti seicenteschi di Tommaso Rinuccini. Anche Benedetto Varchi (1503-1565) nella sua Storia Fiorentina scrive della partita più celebre, passata alla storia per il momento delicato in cui venne organizzata, quella del 17 febbraio 1530 durante l’assedio posto dall’esercito di Carlo V, nel cui ricordo vive ancora oggi la tradizione. La partita fu giocata alla presenza di tutte le autorità, un po’ per non interrompere l’usanza del gioco ormai consolidata nel periodo di Carnevale e un po’ come sfida al nemico assediante: “Alli 17 i Giovani, sì per non intermettere l’antica usanza di giuocare ogn’anno al Calcio per Carnasciale, e si anco per maggiore vilipendio de’ nemici, fecero in sulla Piazza di S. Croce una partita a livrea; XXV Bianchi, e XXV Verdi, giocando una vitella: per essere non solamente sentiti, ma veduti, misero una parte di sonatori con trombe, e altri strumenti in sul comignolo del tetto di S. Croce; dove da Giramonte fu loro tratto una cannonata; ma la palla andò alto, e non fece danno a nessuno.”